Home / _ Notizie dall'Italia e dal Mondo / Caos nel PD! Ecco l’ultima disperata mossa di Matteo Renzi

Caos nel PD! Ecco l’ultima disperata mossa di Matteo Renzi

“Si è chiudo un ciclo alla guida del Pd“: Matteo Renzi annuncia, di fatto, le sue dimissioni da segretario del Partito democratico e lancia la corsa al Congresso, da tenere in primavera. Resta però un’amarezza di fondo. “La riforma (e il referendum che l’ha mandato a casa, ndr) era un partita a se stante, le elezioni non sono una gara di rivincita rispetto al referendum. Quella era una finale secca”, ed è stata persa.

“Il Pd è il più grande partito della sinistra europea. E cosa fa? Discute di una scissione sulla base di questo: se il segretario non fa il congresso prima delle elezioni, ci sarà la scissione”. “Io dico – prosegue -, discutiamo su due linee e poi magari ci dividiamo ma non ho mai pensato a una scissione sul calendario. Mi sembra un ricatto morale e a me non piacciono i ricatti morali ma credo che sia buon senso da parte di chi ha la responsabilità di una comunità accettare l’invito a fare il congresso prima delle elezioni”.

La strada della scissione, comunque resta apertissima: “Io non la voglio e se la voglio, sia sulla base di opinioni diverse, senza l’alibi del calendario”. Così come resta apertissima la strada delle elezioni anticipate: “Il congresso non si fa per decidere la data del voto. Prima o poi le elezioni politiche ci saranno. Facciamoci trovare pronti”. La sfida alla minoranza, che ancora non ha trovato un nome su cui puntare per opporsi al segretario uscente (e che per questo avrebbe voluto rinviare il Congresso di qualche mese), è lanciata: “Scegliamo il campo da gioco e giochiamo con rispetto: vinca chi ha le idee migliori e chi si mette in gioco e non vince dia una mano a chi ha vinto, non scappi con il pallone, non lasci da solo chi vince alle primarie”. Il nemico, ribadisce con sempre minor convinzione, sono trumpismo e grillismo, “non chi è in questa stanza”. Ma il riferimento a Massimo D’Alema c’è ed è sempre velenoso: “Chiediamo il congresso perché non io non sono il custode di caminetti. E non mi piace galleggiare sulle correnti di partito. Se volete quello, votatelo”.

cargando...

Check Also

“Via da Sharm el-Sheik”: scatta l’allarme attentati. L’allarme dei servizi segreti

L’anti-terrorismo israeliano fa scattare l’allerta e chiede il rientro a Tel Aviv dei suoi cittadini: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *