Home / Notizie dall'Italia e dal Mondo / Terremoto, gli elicotteri negli hangar: bloccati per motivi burocratici! Tutto grazie a Renzi e Madia: ecco perchè

Terremoto, gli elicotteri negli hangar: bloccati per motivi burocratici! Tutto grazie a Renzi e Madia: ecco perchè

Gli elicotteri dell’ex Corpo forestale dello Stato, soppresso per effetto del decreto Madia, fermi negli hangar “per motivi burocratici”

Il centro Italia messo in ginocchio da terremoto e maltempo, e gli elicotteri dell’ex Corpo forestale dello Stato, soppresso per effetto del decreto Madia, fermi negli hangar “per motivi burocratici”.

Una situazione paradossale, anticipata da Tiscali News e confermata all’Agi da Riccardo Boriassi, portavoce nazionale del Conapo, il sindacato autonomo dei Vigili del fuoco.

“Dopo la soppressione (Corpo forestale dello Stato, ndr) – spiega Boriassi – il personale è confluito in parte nell’Arma dei Carabinieri e in parte nei Vigili del fuoco”. Ma mentre gli uomini sono stati già “divisi”, il decreto interministeriale che dovrebbe decidere la “spartizione” degli elicotteri già in uso al Corpo forestale dello Stato non c’è ancora e chissa quando ci sarà. Risultato: si è creato una sorta di limbo normativo, per cui due elicotteri del Corpo forestale sono fermi a Cittareale (Rieti), altri a Pescara e a Ciampino.

 
 

 

 
 

“Mentre restano a terra, costretti all’inattività – spiega il portavoce nazionale del Conapo – una quindicina di piloti con un notevole bagaglio di preparazione ed esperienze, senza nemmeno l’uniforme”. Per Boriassi, l’Italia si trova in questo modo in “una impasse” senza precedenti che, però, “non era difficile da immaginare”. “Per evitarla sarebbe bastato, ad esempio, prevedere una fase di transizione di sei mesi – conclude – certo, nel caso di Cittareale, vista la vicinanza con le zone al centro delle emergenze di queste ore, il disappunto è ancora più grande”.

Dal Comando generale dell’Arma dei carabinieri fanno, poi, sapere che gli NH500 non sono nelle condizioni di operare nelle zone innevate nelle condizioni climatiche attuali, mentre dei tre AB 412 trasferiti all’Arma uno è operativo al Nord Italia e gli altri due sono inefficienti da mesi, in attesa di interventi straordinari di manutenzione, così come i tre A 109. “Sono efficienti e in uso – ci tengono, però, a puntualizzare – i tre AB412 già appartenenti all’Arma dei Carabinieri e a suo tempo bonificati dall’amianto, rischierati nelle basi, già appartenenti al Corpo forestale, di Rieti e Pescara, attivi per missioni aeree di verifica dei rischi valanghe, con a bordo esperti Carabinieri forestali”.

cargando...

Check Also

“Via da Sharm el-Sheik”: scatta l’allarme attentati. L’allarme dei servizi segreti

L’anti-terrorismo israeliano fa scattare l’allerta e chiede il rientro a Tel Aviv dei suoi cittadini: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *